Drip cake

002

Questa torta è il classico esempio di quanto la pasticceria sia vicina all’arte. Infatti questo tipo di torta prende il nome da una tecnica pittorica chiamata dripping (dall’inglese drip significa gocciolare). Questa forma di pittura adottata negli anni 40 dal pittore americano Pollock, consisteva nel lasciar sgocciolare i colori dall’alto, in modo da creare delle linee e macchie casuali sulla tela. La novità oltre che nella tecnica stava anche nei materiali usati, infatti non si trattava più di pitture ad olio bensì di vernici industriali mai usate prima in pittura. E così si è pensato bene oggi di sostituire anche le vernici, e con cosa? Con il cioccolato, ovvio!

Drip cake
Drip cake di compleanno con fragole fresche.

Nel 2016 è esplosa la drip cake mania, coloratissime e golosissime torte piene di glasse gocciolanti. Naturalmente il cioccolato, in tutte le sue varianti, è solo uno dei tanti ingredienti che si possono usare (altre glasse infatti vengono molto usate, come caramello, ganache, ghiaccia reale o semplice glassa all’acqua).

Drip cake
drip cake con glassa al cioccolato bianco

Grazie al suo schema non fisso la drip cake lascia molto spazio alla creatività di chi la prepara, e la bellezza sta nel fatto che ogni torta, proprio come le vere opere d’arte, sono uniche ed inimitabili.

Tra le tante varianti vi mostro la mia!

003

Un tripudio di cioccolato e caramello, soffice, golosa ma allo stesso tempo delicata.

Per la base non ho fatto il semplice pan di spagna, lo faccio quasi mai, preferisco basi più soffici che non hanno bisogno di essere bagnate. Per questa torta ho scelto la mitica chiffon cake. L’ho farcita con una crema al caramello e scaglie di cioccolato e la colata l’ho creata con una ganache al cioccolato fondente. Poi ho aggiunto, come decorazione, ciuffetti di panna, biscotti e lastre di cioccolato fatte da me.

Drip cake
drip cake tema laurea cioccolato fondente e frutti rossi

Qui vi mostrerò come fare la crema al caramello e la ganache, entrambe le preparazioni sono semplici e veloci. La salsa al caramello potete prepararla in anticipo voi, come ho fatto io (qui trovate la ricetta), o potete prendere il caramello che si usa come topping, si trova in tutti i supermercati.

INGREDIENTI

Per la farcitura

250 g mascarpone

1 cucchiaio di zucchero a velo

400 ml panna da montare

150 g salsa al caramello

100 g scaglie di cioccolato fondente

Per la ganache

150 ml panna

100 ml cioccolato fondente

PROCEDIMENTO

Per preparare la crema ci vogliono poche e semplici mosse.

Lavoriamo il mascarpone con lo zucchero a velo e la salsa al caramello aggiunta un po’ per volta.

A parte montiamo la panna fredda, montiamo con una bella consistenza ma non troppo ferma. Uniamo la panna montata al composto di mascarpone e caramello un po’ alla volta. La nostra crema al caramello è pronta. Non ci resta che farcire.

Tagliamo la nostra base di chiffon in tre strati e disponiamo la crema stendendola bene fino ai bordi, aggiungiamo anche le scaglie di cioccolato. Farciamo anche l’altro strato e formiamo la nostra torta.

A questo punto prendiamo la crema avanzata e copriamo tutta la torta, lisciando per bene i bordi. Molto utile potrebbe essere un piatto girevole dove appoggiare la nostra torta.

Ottenuta la torta tutta coperta di crema, prepariamo la ganache per poter divertirci e sentirci un po’ artisti. Sminuzziamo in piccoli pezzi il cioccolato e versiamo sopra la panna calda (deve essere ben calda), lasciamo qualche secondo senza muovere il cioccolato. In questo modo la panna calda lo scioglierà prima. Iniziamo ad emulsionare il composto fino a che il cioccolato sia completamente sciolto. Sempre mescolando facciamo raffreddare un po’. A questo punto possiamo colare la ganache sulla torta. E’ bene iniziare prima dai bordi, in modo da formare l’effetto gocciolante, poi coliamo al centro della torta aiutandoci con una spatola. Decoriamo a piacere, con biscotti, lastre di cioccolato, bon bon, macaron, insomma spazio alla fantasia!

004

Attenzione quando versiamo la ganache, la torta deve essere freddissima e la ganache al massimo intorno ai 35°, in questo modo si fisserà subito alla torta senza disastri!

Di seguito altri esempi di drip cake, per ogni occasione!

Marypopcake

One Comment

Lasciami un commento: